Scritto da Alberto Botton di “Blog di Padova”

LA FESTA

Quest’oggi vi parlo di un prodotto di eccellenza del nostro territorio, in particolare del territorio dei Colli Euganei: si tratta dei piselli di Baone che divengono nel nostro dialetto veneto ” Bisi di Baone ” o “bisi de Baon” ,  e quest’anno dal 31 maggio al 5 giugno 2019 sarà in programma la 21° edizione della Festa dei bisi di Baone!

La festa dei bisi di Baone è una festa popolare che attrae ogni anno moltissime persone con i suoi stand enogastronomici, il mercato dei piselli, l’”isola del gusto”, le escursioni sul territorio, musica e spettacoli e che vede la partecipazione di ospiti illustri: la “madrina” dell’edizione 2019 sarà Iva Zanicchi! (“Cento, cento, cento! cit), mentre il piatto più tipico da provare saranno ovviamente i “risi e bisi”

Scoprite sul sito ufficiale il programma e anche gli approfondimenti sui bisi/ piselli di Baone: http://www.festadeibisi.it

LA STORIA

Baone, comune di 3000 abitanti sui Colli Euganei, è un piccolo comune situato nella parte meridionale del comprensorio dei Colli Euganei ed è costituita da altri 3 centri principali: Valle San GiorgioRivadolmo e Calaone, paesi immersi tra il verde delle nostre colline, che oltre a regalare degli itinerari naturalistici spettacoli, ospitano importanti strutture architettoniche come le ville di nobili famiglie padovane e veneziane, ad esempio Ca’ Venier, Ca’ Orologio, Ca’ Barbaro, Villa Mantua Benavides e…last bat not least, sul monte Gemola, la splendida Villa Beatrice d’Este: una volta antico monastero, oggi location di numerosi eventi.

I PRODOTTI

L’economia di Baone è prevalentemente agricola e vitivinicola, numerosi sono i produttori privati e aziende di miele, ed altrettanto ottima è la produzione di olio d’oliva. ma vero fiore all’occhiello sono i piselli

“Bisi” di Baone

Fino agli anni ’70, esisteva il mercato di Baone, dove si potevano acquistare e commercializzare i pisellini. Esso, nei mesi tra Aprile e Maggio, era il riferimento di molti personaggi padovani e un punto d’incrontro tra i bisicoltori che volevano far fruttare economicamente il loro lavoro.

Leggi l’articolo completo sul Blog di Padova , ma non prima di aver fatto la spesa qui su MangioQui.it, dove dalla prossima settimana i protagonisti saranno proprio loro: i Bisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *